Post recenti

Delurking indolore (per voi, meno per me)

Per chi non è riuscito a venire in Mondadori l’altra sera, ecco il video del mio intervento; presentazione del libro e domande dal pubblico. Qui trovate la trascrizione delle dimenticabili baggianate da me proferite. Su BadTaste altri video e foto della serata.

Sì, ero l’unica in cosplay; no, non me ne vergogno; sì, al piano di sotto invece erano quasi tutti in cosplay quindi poi mi sono mimetizzata. Ah, guarda caso oggi è il Delurking Day: qualche mio lettore che non ha mai commentato vuole approfittarne per palesarsi, visto che ha l’occasione di farlo prendendomi in giro? Non capiterà tanto presto un altro video, eh.

In compenso, magari nei prossimi post torno a parlare d’altro. Tempi duri, su questo blog, per chi non ama Harry Potter; mi rincresce, ma i tempi duri stanno per finire.

harry-potter traduzione ilaria-katerinov mondadori doni-della-morte video

Il post che anche se non lo postavo tanto era uguale

Il motivo principale per cui questo blog viene aggiornato così di rado è che io comincio anche a scriverli, i post; ma poi li rileggo e mi paiono stronzate solenni, che mai potranno suscitare l’interesse di chicchessia, quindi li cestino. Siccome stasera ho bevuto una birra di troppo, vi apprestate a leggere un post sfuggito alle maglie della mia autocensura.

Sì, come vedete nella foto ho questo vizio di lavorare a letto. Ce l’ha tanta gente che lavora da casa. Ce l’avevano anche John e Yoko, ma il mio letto è un po’ più appartato.

E poi ho questo vizio, che quando devo scrivere qualcosa di minimamente creativo, devo scriverlo a mano, quadernino Muji e penna Muji e piumone Ikea. Capito perché non sono fatta per la vita d’ufficio? So che questa abitudine contrasta con la mia tecnomania (sì, è l’E90 quello che si intravede a destra; l’ho comprato, è figo anzichenò, ma il relativo post ovviamente è finito nel cestino), ma che vi devo dire.

Insomma, ho buttato giù il mio intervento per la serata di domani alla Mondadori Duomo. Pregate per me, che io non mi impappini, non dica cazzate, non spoileri involontariamente l’intero uditorio su chi muore nel settimo libro.

Meet the Author

Resuscito un momento per nuntiare urbi et orbi gaudium magnum. Per me, almeno.

  • Marina Lenti (Guida Harry Potter di Supereva/Dada) mi ha intervistata a proposito del libro. Trovate l’intervista a questo indirizzo.
  • Se non sapete come trascorrere la sera del 4 gennaio, e pensate di fare un salto in libreria per aspettare la pubblicazione di Harry Potter 7 in italiano, alla mezzanotte: venite al Mondadori Multicenter di piazza Duomo a Milano, dove tra l’altro potrete assistere a una presentazione del mio libro. Oltre a vedere me in cosplay da Grifondoro, che son sempre cose, comunque. Sarà presente anche Marina Lenti: è appena uscita la seconda edizione del suo libro, Incantesimo Harry Potter, una vera miniera di informazioni, ora ulteriormente arricchita e aggiornata ai Doni della morte. E poi ci saranno gli straordinari Grimmauld Place 12, un gruppo di animazione-cosplay che ho avuto il piacere di conoscere qualche tempo fa (li ho anche intervistati per BadTaste). Sono bravissimi. Qui trovate il programma completo della serata.
  • Per un acquisto consapevole e informato, ora potete leggere online un brano di Lucchetti babbani e medaglioni magici (le prime cinque pagine dell’introduzione).
  • Dirò di più: potete e dovete farmi sapere che ne pensate del libro. Ne sto parlando con diversi lettori in Msn, ma avverto il bisogno (la voglia, diciamo, via) di rendere il tutto un po’ più social. A partire dal 5 gennaio commenteremo insieme la traduzione Salani dei Doni della morte, qui sul blog e ovviamente sul forum di BadTaste; così mi aiutate ad aggiornare il libro per un’eventuale seconda edizione, se mai ci sarà. E se non ci sarà, mi piace pensare che il libro possa avere un’appendice online dedicata al settimo HP. Fa molto 2.0, no?

harry-potter traduzione mondadori doni-della-morte lucchetti-babbani guida-hp-supereva grimmauld-place-12 marina-lenti badtaste

Pensierino dell’ora di pranzo

Ci sono canzoni che quando le scopri dici: ma no, dev’essere una cover di un pezzo di cinquant’anni fa. Non è possibile che in tremila anni di storia della musica a nessuno fosse venuta in mente una melodia così semplice, e perfetta. Come abbiamo vissuto senza questa canzone fino a oggi?

Ecco, a me è successo con Ágætis Byrjun dei Sigur Rós, nella versione acustica in Hvarf/Heim. E dire che la versione originale, nell’album omonimo, non mi aveva colpito più di tanto.

P.S. Visto che sono viva? Tra un po’ vi aggiorno sugli eventi in programma, con una notizia che interesserà soprattutto i fan di Harry Potter. Gli altri intanto si consolino guardando la cosa più bella apparsa su YouTube negli ultimi mesi: Achmed il terrorista morto.

sigur-ros harry-potter achmed youtube

Sono un geek

[Messaggio di pubblica utilità] Per chi arriva da Google su questo post (e arrivano in tanti) cercando “come si fanno gli accenti con il Blackberry”: sappiate che le accentate si fanno tenendo premuto il tasto della lettera e facendo scorrere in orizzontale la trackball.

Mi ero ripromessa di non partecipare più a nessun meme, ma come si fa a resistere a questo, che circola proprio in occasione dell’arrivo del nostro nuovo Macbook? Non mi risulta di essere stata invitata da nessuno, quindi - da brava asociale quale sono - me ne approprio senza passarlo a nessuno: chi lo vuole se lo pigli. Io l’ho preso da Clarita.

Sono un geek perché posseggo i seguenti gioielli tecnologici:

  • iMac (penultimo modello, di quelli bianchi per intenderci), 20”, Intel Core 2 Duo 2.16 GHz, 2GB Ram, HD da 500GB. Accessoriato con tastiera ultrapiatta, una meraviglia. Ma al momento mi tengo Tiger, tanto Leopard ce l’ho sul…
  • MacBook 13” 2.2 GHz, 2GB Ram (in realtà è un regalo che ho fatto a Remuz, però spero me lo farà usare ogni tanto).
  • PC assemblato dal mio smanettatore informatico di fiducia con pezzi vari, e di cui purtroppo non saprei descrivervi con precisione la configurazione hardware. Comunque: il case è un’enorme torretta Enermax. Il monitor è un Philips 20”. Windows XP Professional. AMD Athlon 64 X2 Dual, 2.21 GHz, 2GB Ram, 2 HD da 150 + 150 GB.
  • Due gruppi di continuità, uno per il Pc e uno per l’iMac.
  • Laptop ACER Aspire 1513LMi, AMD Athlon 64, con Win XP Professional, sull’orlo della morte dopo essere stato usato per due anni senza praticamente mai spegnerlo, quando studiavo a Bologna. Come tanti Acer, ha il brutto vizio di surriscaldarsi e spegnersi da solo ogni tanto. Credo sia da rottamare, ormai.
  • Stampante multifunzione HP Laserjet M1005 MFP, ovvero: stampante laser + fotocopiatrice + scanner, e nessuno dei tre funziona granché bene.
  • Blackberry Curve 8300 (Vodafone), su cui, oltre naturalmente a usarlo per le mail, ho installato TwitterBerry e Yahoo Messenger; purtroppo non ho potuto metterci Opera Mini, perché dovrei usarlo con l’APN Vodafone e spenderei un patrimonio. Il browser integrato comunque se la cava, più o meno. (Io, nonostante tutto il casino con la Tre, un pensierino sullo Skypephone ce l’avrei anche fatto; ma il pensiero di chattare in Skype digitando con il T9 mi riempie d’orrore. Molto meglio Yahoo Messenger con la tastiera Qwerty del Blackberry.)
  • Nokia 6131, nero. Un gran telefono, ce l’ho da un anno e mezzo e va che è una meraviglia. La batteria inizia a perdere colpi, però.
  • iPod Nano 8GB (quello nuovo), colore verde: il mio ultimo acquisto.
  • iPod Shuffle 1 GB colore argento
  • Fotocamera Nikon Coolpix P5000, 10 megapixel.

Sono un geek perché vorrei i seguenti gioielli tecnologici:

  • Nokia E90: sarà mio molto presto;
  • Asus EEEPC, cioè un subnotebook da 300 dollari motorizzato Linux, che promette grandi cose. In America è già uscito, da noi arriva nel primo trimestre 2008. Penso che lo prenderò al posto del tablet Nokia N810, su cui sbavavo da mesi. (Si è capito che sono una fan della Nokia?)
  • iMac 24”, nonostante il nuovo look nero/acciaio non mi convinca poi molto. Ma almeno mi tengo due Mac sulla scrivania e butto definitivamente il Pc. Li avranno risolti, poi, quei problemini con lo schermo?
  • Magari un altro Macbook solo per me, così a Remuz lascio il suo. Aspetto però di capire che ne sarà dei famosi subnotebook Apple, magari escono davvero nel 2008. Chi ha bisogno di un drive ottico nel 2008?

Ecco, ora mi rimetto al lavoro, così quando sarò ricca e avrò millemila fantastiliardi di paperdollari, e non avrò già sulla carta di credito 400 euro di esami medici (pagati sull’unghia da “solvente”, ovvio… ma porca miseria), potrò dedicarmi alla mia lista della spesa. Qualcuno nel frattempo vuole raccogliere la sfida, e dimostrarmi che è più geek di me?

geek meme computer mac cellulari nokia asus eeepc blackberry e90 ipod