La quarta bozza

www.flickr.com

Giornalismo d’assalto

Fedele alle mie autoprescritte linee guida per l’uso corretto del blog (il punto 3 recita: “Se devi sparar cazzate in coefficiente superiore al 30%, meglio che tu non posti affatto: al massimo tumblra“) ero sparita per qualche giorno. Una volta magari ve le posto tutte, le linee guida.

Ma rieccomi.

Ieri, per motivi su cui non mi soffermerò, leggevo Glamour. Glamour è una rivista di moda, bellezza, costume e cose-da-donne, che pesa l’equivalente di un neonato non prematuro, e il cui target di lettrici sembra avere un’età mentale non di molto superiore al suddetto neonato non prematuro.

E poi uno dice che da queste riviste glossy non si impara niente. Ah no, io ho imparato un sacco di roba. Sentite qua:

  • A pagina 82, Valentino Garavani - uomo di età misurabile solo con generose dosi di Carbonio 14 - dichiara che “[lo] intrigano molto i Radiohead”, dopodiché sentenzia che “i pantaloni a vita bassa stanno facendo moltissimi danni”.
  • A pagina 86, apprendo che esistono i Foho (folk boho), “nuova tendenza hippy eclettica”. E vabbè. Il problema è che l’idolo dei Foho è Mischa Barton. Oh signùr.
  • A pagina 180 apprendo che avere fantasie erotiche che coinvolgono due donne “non è una fantasia di omosessualità”. Ah, ma guarda. Uno giudica troppo presto, eh. Apprendo che si tratta invece della “sensazione che si prova all’idea di trovarsi protagonista di uno scambio più particolare”. Eh?
  • A pagina 184 apprendo “quali sono i segnali per capire che ci si sta chiudendo all’amore in modo pericoloso”. Ora sì che mi è chiaro il rapporto tra “l’affettività e le nostre zone d’ombra”. Vorrei saperla scrivere anch’io, fuffa così.
  • A pagina 186, in perfetto stile “rubrica delle lettere di Cioè“, apprendo come si comporta la donna moderna ed emancipata quando l’ex della sua migliore amica le chiede di uscire. (Parole d’ordine: tatto e fermezza.)
  • A pagina 256 apprendo da inconfutabile testimonianza fotografica che Jonas Cuaròn (figlio di Alfonso e anch’egli regista), con il quale ho avuto occasione di parlare al telefono non molto tempo fa per questioni di lavoro, è un gran bel pezzo di figliuolo. Resta che il suo inglese è segnato da un accento messicano ancor più macchiettistico di quello del padre. (Io però in realtà speravo di parlare direttamente con Alfonso, e chiedergli un commento sul fatto che il coro delle streghe del Macbeth in Azkaban è diventato “Fa’ che la pozione quagli” nel doppiaggio italiano. Vabbè, sarà per la prossima volta).
  • A pagina 376 è fotografata e intervistata l’amica di un mio amico. Quant’è piccolo il mondo. Praticamente sono rimasta l’unica dei miei amici a non essere ancora stata intervistata da una rivista trendy. Non so se dolermene.
  • A pagina 442 mi promettono che, se volto pagina, scoprirò “come ritardare di un mese la comparsa della ricrescita” sull’attaccatura dei capelli. Da brava finta bionda, la cosa mi intriga, soprattutto perché ho sempre pensato che fosse impossibile fermare la crescita dei capelli. E infatti, voltando pagina scopro di essere stata miseramente gabbata: mi si dice di utilizzare uno “shampoo allo zenzero”, spazzolare i capelli solo con “setole di cinghiale” e fare l’ultimo risciacquo con aceto di mele. Viva la natura. Praticamente, se vado a vivere in una comunità Amish avrò capelli bellissimi. Allora, perché due pagine dopo c’è un publiredazionale su prodotti per capelli che costano dai trenta euro in su?

L’ho sempre detto, io, che dovevo nascere maschio.

glamour moda cosmesi rivista donne valentino foho cuaron

AddThis Social Bookmark Button

31 Commenti »

  Wizard ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 1:12 pm

Sì, le linee guida dovresti postarle!
Non si sa mai che io possa prenderne spunto!

Per il resto nulla da eccepire, sono d’accordo con tutti i tuoi commenti!

  .mau. ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 1:25 pm

ah, non con la camomilla? Come ci si deve aggiornare in fretta!

  Andrea Opletal ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 2:14 pm

dai c’è da dire che non sanno più cosa scrivere e così si creano da soli la notizia!!! …. ah … se vuoi ti intervisto io ?? certo di Trendy non ho nulla ma almeno ti levi la soddisfazione…

  Captain’s Charisma ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 2:16 pm

oddio, ma almeno ci son su anche un po’ di donne nude…

  Ilaria ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 2:19 pm

Sì, ma di quelle che piacciono a me, non a voialtri uomini: quelle magre come chiodi e senza tette.

  paiola ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 3:21 pm

Attraverso una simpatica fase di regressione adolescenziale… corro quindi subito a comprarmi glamour. Mi intriga sopratutto l’articolo che mi spiega se mi sto chiudendo all’amore: devo assolutamente scoprire le mie zone d’ombra nell’affettività.

  kit ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 5:36 pm

[…] spazzolare i capelli solo con “setole di cinghiale” […]

ma non son le stesse di quel famoso pennello…mhmh…come si chiamava? Cinghialone può essere?

  Ilaria ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 5:41 pm

No no, si chiamava proprio Cinghiale. La grande Marca!

  Elisa ha scritto @ 27 Agosto 2007 alle 9:39 pm

E’ una soddisfazione sapere che sto preservando il pianeta da uno sfacelo ineluttabile, visto che non indosso pantaloni a vita bassa

  Flavia ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 12:12 am

Ciao Ilaria, sono Eleanor di BadTaste (quella che odia le donne ma che ama te :D) Come faccio a non amarti ancora di più dopo questo post? “[…] come si comporta la donna moderna ed emancipata […]” HAHA! Ma, mi chiedo, questi redattori/redattrici di tali capolavori ci vedono davvero così frivole e sciocche ? Bah… E comunque c’è in giro di peggio, hai presente Cosmopolitan?
Un saluto e… complimenti per il sito!

  Marika ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 9:23 am

E quanto costerebbe questa treccani della donna moderna ed emancipata? Secondo me fanno meno danni le riviste da parricchiera (Chi, novella 2000, ecc.): una volta sfogliate, ti sarai bruciato un migliaio di neuroni…ma poi la cosa finisce lì. Invece questi pamphlet del glamour innescano un processo irreversibile sul cervello femminile: una volta sfogliate…ti credi di essere Carrie Bradshow!!

  Wizard ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 11:35 am

Penso che Marika abbia ragione!
Le riviste di gossip non hanno effetti sulla tua vita (se non che ti rendono molto noiosa agli occhi del tuo ragazzo se solo ti azzardi a parlargli che la Canalis si è passata mezza Sardegna VIP), mentre queste riviste vengono prese incredibilmente sul serio da alcune donne. Fanno cambiare loro il modo di comportarsi a volte … Soprattutto se danno consigli su come comportarsi in coppia sono pericolosi …

Vabbè, tanto non mi capiterà mai di incontrare donne che leggono quelle riviste!

  chit ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 2:03 pm

NON E’ GIUSTO!
Voi donne, facendo queste letture, avete più spunti di noi ometti per il blog, protesto!

Buona settimana

  Vinz ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 2:28 pm

hihihi post stupendo!

però.. uhm.. prima di giungere a conclusioni affrettate.. l’hai mai letta una rivista maschile?! non è che il livello culturale sia molto più elevato

..ma io in fondo non faccio testo, le riviste le sfoglio solo per guardare le foto e non leggo più di 5 parole per pagina
(in fondo 5 parole sono anche già troppe)

  Ilaria ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 2:37 pm

Oh sì che le ho lette, dovrei fare un post anche su quelle. A cominciare dalle donne nude in copertina, anche se il titolo principale è “I nuovi cellulari ipertecnologici”. Uh, e poi le rubriche sul sesso… sì, dovrei fare un’analisi comparata delle riviste maschili e femminili. Grazie del suggerimento

  Daniele ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 3:26 pm

Dovrò assolutamente abbonarmi alla rivista.

  ADVsha ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 5:21 pm

Anch’io ho proprio sul mio comodino questo numero di Glamour… utile per prendere sonno, basta darselo in testa

  catj ha scritto @ 28 Agosto 2007 alle 10:28 pm

ciao,
è un piacere fare la tua conoscenza in questo mondo virtuale.
Sono capitata nel momento giusto. Bene! Ti dico la mia esperienza: sono stata abbonata a quella rivista per 2 anni. Troppi! Utili per capire come andavano le cose. Nessuno può negare la qualità delle immagini. Magnifiche le fotografie sia quelle a colori che quelle in b/n. Vorrei fare i miei complimenti ai grafici! È tutto merito loro se quella rivista funziona. Cosa c’è oltre la pubblicità?
Mi sembra il “Cioè” degli adulti. Si passa da una mediocrità all’altra: dal “Cioè”, che leggevo in classe alle scuole medie con le mie compagne durante le lezioni, al mensile Glamour, che ha reso meno noiose le lezioni di diritto, alle superiori. È servito a qualcosa!
Alcune storie sono di una tristezza! Non sanno più cosa scrivere! … e le interviste? Le vogliamo chiamare interviste? E gli articoli? Li vogliamo chiamare articoli? A questo punto tutti possiamo diventare giornalisti… e chissà, forse è già così. :-)).
Vogliamo passare ai fatti? Bene! Io stessa ho inviato una lettera in redazione, rispondendo in modo ironico e simpatico ad un quesito. Era una trappola!! Cosa sono stati capaci di fare? Mi pubblicano il tutto, modificando il contenuto in modo tale da ricavarne una risposta, con tanto di morale. Prova ad immaginare la mia delusione!

  Stefano ha scritto @ 29 Agosto 2007 alle 12:20 am

non sono tanto sicuro però che a noi uomini non piacciano anche le donne magre come chiodi e senza tette

  Ilaria ha scritto @ 29 Agosto 2007 alle 3:10 pm

Se così fosse saresti il primo che conosco. Di solito gli uomini etero, con volto impassibile, se ne escono con gemme del tipo “a me piacciono le donne con un po’ di carne addosso, non gli scheletri”. Be’, meno male che io uomini non ne cerco, perché dall’alto dei miei 43 chili potrei avermene a male.

  Stefano ha scritto @ 29 Agosto 2007 alle 3:47 pm

beh, non credo di essere l’unico che non dice “a me piacciono le donne con un po’ di carne addosso”. a me piacciono le donne belle. e possono essere belle sia quelle magre come chiodi sia quelle in carne.

ma giusto per capirci con un esempio sui mille possibili, una come Kate Moss è magra come un chiodo?

  Ilaria ha scritto @ 29 Agosto 2007 alle 3:50 pm

Conosco molti, uomini e donne, che la trovano troppo magra e quindi poco femminile. Io non sono tra costoro evidentemente, e mi par di capire neanche tu

  ilallallero ha scritto @ 30 Agosto 2007 alle 11:54 am

Ahhh, ma quindi Galmour si può anche leggere! E io che lo usavo solo per fare sollevamento pesi!

  Stefano ha scritto @ 30 Agosto 2007 alle 1:49 pm

Ilaria

  kit ha scritto @ 30 Agosto 2007 alle 11:08 pm

Nomination in corso per il BlogDay2007. Passa dal mio blogghino domani

buona notte…

kit

  Artemisia65 ha scritto @ 31 Agosto 2007 alle 12:33 am

mai amato le riviste femminili
a leggere quelle pagine mi viene da dire
maddai le donne non sono mica così limitate
eppure sti giornali te lo fanno pensare
mah

  alebino ha scritto @ 31 Agosto 2007 alle 9:59 am

ti ho segnalato! oggi è il blogday!! ciau!

  john doe ha scritto @ 31 Agosto 2007 alle 11:32 am

io non sono d’accordo sulla prima parte del post. cazzate valide fino al 70%
per quanto riguarda le riviste femminili, sono sempre stato convinto che fossero uno dei maggior strumenti di mortificazione femminile. ma io sono un maschietto

  Ilaria ha scritto @ 31 Agosto 2007 alle 11:40 am

Ma io NON sono una “femminuccia”, e in generale sono d’accordo con te.

@kit e @alebino: ‘azz, quelle honneur.

  Luca Sartoni ha scritto @ 31 Agosto 2007 alle 12:11 pm

Quella rivista è caduta molto in basso. Soprattutto da pagina 414 in poi…

  krepa ha scritto @ 31 Agosto 2007 alle 3:20 pm

quante cose si apprendono da Glamour…

…e sono nato maschio…

krepa

Il tuo commento

Non è sempre facile distinguere tra "moderazione" e "censura". Credo nella libertà di parola, e non penso che il blog sia "casa mia": è un luogo pubblico. Pertanto, i commenti di questo blog NON sono moderati. Cancello solo le offese esplicite rivolte a terze persone e i link a contenuti illegali. Preferirei non dover cancellare neanche quelli. Ogni link è sacro.

HTML-Tags: