La quarta bozza

www.flickr.com

Baby, I’m a (Blog)Star

Trovo su almeno 20 blog diversi questo simpatico meme, che mi accingo a compilare pur non essendo stata invitata da nessuno (perché, oltre che nerd e geek, sono pure sfigata). Ovviamente, chi tra i miei lettori non è geek né nerd non capirà quasi nulla di questo post. Me ne scuso a priori.

Le blogstars prima googletalkavano, ora twittano.
Oh sì, twittero molto. Googletalkerei, ma quasi nessuno che conosco ha Google Talk. Quindi mi limito a Msn e Skype.

Le blogstars vanno all’Ikea e se non ce l’hanno vicino casa, fanno chilometri per andarci.
Io all’Ikea praticamente ci abito. Quelle di Bologna e Milano Corsico le conosco come le mie tasche. Quando mi annoio, salto sulla navetta e vado ad abbuffarmi di specialità svedesi. Poi torno a casa con un sacco di roba inutile tipo pelapatate, portauova e accessori per il guardaroba.

Le blogstars al tavolino di un bar (anche davanti a una spiaggia deserta) aprono il loro portatile e postano.
Il portatile ormai lo uso solo per le emergenze, e lavorando da casa trovo molto più comodo l’iMac. Quando sono via cerco di disintossicarmi da internet, ma finisco per twitterare via sms (anche dall’Ikea!) oppure telefono a destra e a manca per assicurarmi che i siti siano online e che i troll non mi abbiano devastato il forum riempendolo di spoiler sul settimo libro.

Le blogstars postano anche a tarda notte.
Oh, com’è vero. Al momento sono le tre, e non ho l’ombra del sonno.

Le blogstars comprano i libri su Amazon.
Quando abitavo in mezzo al nulla appenninico sì, usavo Amazon. Ora che vivo nella grande metropoli, trovo quasi tutto sotto casa. Ricorro ad Amazon e Play.com in casi eccezionali.

Le blogstars hanno telefonini che fanno anche una carbonara per una dozzina di persone.
Il mio fa le foto (brutte) e avrebbe pure il lettore mp3, che però io non uso, avendo l’iPod.

Le blogstars hanno già visto la quinta serie di Lost.
Qui il mio punteggio crolla. Mi sono addormentata a metà della prima puntata della prima serie, e ho desistito.

Le blogstars fanno i BarCamp e i FemCamp.
No grazie. Non ho voglia di incontrare altri blogger per parlare di blogging e leggere il giorno dopo sui loro blog cosa ne pensano dei blogger e del blogging. Possiamo provare a essere un po’ meno autoreferenziali, e a parlar d’altro? Grazie.

Le blogstars non sanno neppure che io esisto.
Ah, questo è poco ma sicuro.

Le blogstars hanno i feed reader con centinaia di feeds.
Sul vecchio reader eravamo a quota 300; ora sono passata a Google Reader, e siamo poco sopra i 100 feed, divisi in blog, siti di cinema, Harry Potter, Queste Oscure Materie, Flickr, e un’enorme cartella “varie”. Giuro che provo a leggerli tutti.

Le blogstars probabilmente fanno l’amore da Dio.
Togliamo pure il “probabilmente”.

Le blogstars ascoltano la musica con l’iPod, ovunque.
Non solo. Io faccio di peggio: un’ora dopo essere rientrata in casa, mi accorgo di avere ancora l’iPod nelle orecchie. Ormai è un’appendice del mio corpo. E quando non c’è lui, c’è iTunes. E’ per questo che non sento mai squillare il cellulare, e devo appendermelo al collo come un’idiota.

Le blogstars in un post, fatti i dovuti calcoli, riescono a mettere sei o sette link ad altrettante blogstars.
No, per i motivi spiegati sopra, alla voce BarCamp eccetera. Mi sono un po’ rotta le scatole di questa gara io-linko-te-tu-linki-me-cosa-si-vince-oggi?.

Tant’è vero che nemmeno farò nomi per continuare questa catena di Sant’Antonio. Se volete, partecipate anche voi. Altrimenti, limitatevi a commentare le mie risposte.

Giungo al termine di questo post constatandone la palese inutilità. Ma sono le 3 di notte e mi annoio. Sorry.

blogging, meme, inutilità, twitter, ikea, ipod, nerditudine

AddThis Social Bookmark Button

14 Commenti »

  Michele ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 3:27 am

MAMMMMMMMAMIA che trafilata! Ahahahaah
Ma Ila cosa vuoi essere una Blogstar se sei già faro di tutti i tuoi discepoli sparsi per il mondo? Non pretendere troppo da te stessa! AAAAA! Bacio :*****

  gicappa ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 9:45 am

vorrei capire. quali sinapsi vi si accendono, quali neuroni mirror vi fanno intenerire il cuore, quali ricordi infantili richiamano alla vostra mente, insomma quali archetipi ancestrali sono così potentemente evocati dal mondo di IKEA nel “complesso universo femminile”?

condivido moltissimo il disinteresse per Lost.

  Ilaria ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 11:53 am

Io non faccio parte del “complesso universo femminile”. Il mio cervello ragiona esattamente come quello di un uomo, te lo posso assicurare. Tant’è vero che non sopporto le donne (non ho quasi amiche) e tant’è vero che il mio ragazzo è quello che si emoziona di più, all’Ikea. Dunque bisognerebbe chiedere a lui.

In sostanza credo che il motivo sia il senso di relativa onnipotenza che ti dà l’Ikea. Lì dentro ti puoi teoricamente permettere quasi tutto quello che vedi, e puoi ricostruire ambienti che sul catalogo fanno la loro porca figura.

Poi io adoro tutto ciò che è scandinavo/nordeuropeo, quindi lo stile Ikea mi affascina.

  Blogstar « Ombre nella Caverna ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 4:59 pm

[…] Blogstar Copiato da Ilaria: […]

  The Next Best Blogstar | Metropolvere ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 6:28 pm

[…] consiglio di Ilaria, mi accingo a completare questo questionario idiota sulle Blogstar. Troppe persone hanno troppo […]

  Ilaria ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 6:30 pm

Yeah. I pingback si sprecano, qua.

  Michele ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 6:36 pm

Altrimenti non saremmo blogstar, Ila..

  Ilaria ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 6:42 pm

Anche tu non hai torto.

  Atreiu ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 7:12 pm

‘Mmazza quant’e difficile tradurre! Prissy siete proprio nerdissimi voi del settore!

  Ilaria ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 7:17 pm

Nah, è tradurre la poesia che è difficile. La prosa è una cavolata. Poi dipende dalla lingua, il polacco immagino non sia delle più facili.

  gicappa ha scritto @ 1 Luglio 2007 alle 1:06 am

…azz come lady oscar!

  Ilaria ha scritto @ 1 Luglio 2007 alle 1:19 am

O come Orlando… L’ambiguità sessuale è affascinante.

  Atreiu ha scritto @ 1 Luglio 2007 alle 10:04 pm

Chiedi a Borghezio quanto lo affascina

  Ilaria ha scritto @ 1 Luglio 2007 alle 10:24 pm

Almeno quanto Borghezio affascina me.

Il tuo commento

Non è sempre facile distinguere tra "moderazione" e "censura". Credo nella libertà di parola, e non penso che il blog sia "casa mia": è un luogo pubblico. Pertanto, i commenti di questo blog NON sono moderati. Cancello solo le offese esplicite rivolte a terze persone e i link a contenuti illegali. Preferirei non dover cancellare neanche quelli. Ogni link è sacro.

HTML-Tags: