La quarta bozza

www.flickr.com

Carta o bancomat, signora?

Avete fatto l’amore e non la guerra, come auspicavo nel post precedente?
Avete messo fiori nei vostri cannoni?

Bene, perché oggi hanno ricominciato a girarmi. Sì, loro, quelle che io non ho. Mi girano vorticosamente. Per una serie di motivi con cui non vi tedierò (sono ancora in sciopero dai post di argomento politico-religioso), tra cui emerge con prepotenza il seguente:

Anche oggi mi hanno chiamata “signora” in un negozio.

E il bello è che succede da anni. Tempo fa una mia amica, anni 34, lamentava di aver appena subìto questo trattamento per la prima volta. Ho riso. Io di anni ne ho 27, e mi succede più o meno dai tempi della maturità.

Non dipende dall’abbigliamento, perché succede anche quando sono in jeans. Non dipende dalla faccia, perché tutti mi dicono che non dimostro più di 22-23 anni. Da che accidenti dipende, allora, che tutti mi chiamano signora?

Forse è la voce, visto che accade anche al telefono.

Ma lo scopo ultimo di questo post non è l’autocommiserazione. E’ che sto raccogliendo pareri su una questione che mi attanaglia da settimane.

Fino a che età, secondo voi, mi potrò autodefinire “una ragazza”? Fino ai 30? Fino ai 35? O finché continuerò a sentirmi “giovane dentro”? No, perché, vi dirò, io i 27-quasi-28 non li sento affatto al momento. Quando ne avrò 30, sarà ridicolo che io parli delle mie amiche ventiduenni dicendo “le altre ragazze”? Non credo che sarò mai in grado di smettere di farlo.

rughe, artrite, reumatismi, tg4, robe-da-vecchi-in-generale

AddThis Social Bookmark Button

13 Commenti »

  abel ha scritto @ 29 Giugno 2007 alle 10:34 pm

in teoria ti dovresti autodefinire ragazza finche senti che lo sei,o meglio ancora,finchè ti senti in piena vitalità e con un sacco di voglia di fare.Per quanto riguarda come ti definiscono gli altri,lì è un bel casino…perchè dipende chi ti dà della signora,la sua età e quanto gli sembri “matura”…

  Atreiu ha scritto @ 29 Giugno 2007 alle 11:48 pm

Il meglio è quando ti chiama signora una più vecchia di te…

  Michele ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 12:18 am

Zitta Ila, che chiamano SIGNORA pure me al telefono.. Stendiamo un pietoso velo.. Eppure ho una voce maschile, o no?!

Comunque Ila, tu sei quel tipo di persona che sarà una ragazza fino a 80 anni.. Anche perché sei una dea e le dee non invecchiano MAI.

  Ilaria ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 12:22 am

Ma certo che hai una voce maschile! E molto distinta, aggiungerei.

Vabbè grazie della qualifica di nume olimpico, ma quello che io temo di più è quando gli altri smetteranno di chiamarmi ragazza.

@Atreiu: no, il meglio secondo me è quando mi chiama signora uno che ha tre anni meno di me. Lì sì che mi viene da piangere.

  Atreiu ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 12:34 am

be in effetti… a me almeno mi chiamano signora i bambini… solo che le cameriere nei bar continuano a chiamarmi “gioia”… ma allora uno cosa deve pensare? Eh, così mi squilibrano…

  Atreiu ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 12:34 am

(ups quanti puntini)

  milla ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 1:22 am

Capita anche a me purtroppo Ila…. voglio essere tradizionalista, una diventa signora quando si sposa. punto. (certo però che le zitelle70enni chiamate “signorine”mi fanno altrettanto ridere..)

  Ilaria ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 1:28 am

Ahahahaha, allora non lo diventerò mai. Oppure lo sono già, da quando avevo 16 anni. No, così è ancora più spaventoso.

  Alberto ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 1:45 am

dipende dallo sguardo. le signore ti studiano, le ragazze sorvolano.

  Benni ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 2:07 am

mia cara signora (ahah! :P) io ho il problema opposto: nonostante i miei venerandi 25 anni, ho l’aria da ragazzina. se non apro bocca non mi danno più di 20 anni, se mi va bene. ti assicuro che a volte è frustrante, anche se non fanno che dirmi che tra qualche anno ne sarò lusingata… sarà. intanto credo proprio che abbiamo il diritto di sentirci ragazze finchè cazzo ci pare. bizou

  Ilaria ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 2:39 am

Ma infatti, lo penso anch’io alla fin fine. Chi se ne frega.

@Alberto: più rileggo, meno capisco.

  Alberto ha scritto @ 30 Giugno 2007 alle 11:43 am

in effetti, va bene la sintesi, ma avevo esagerato. comunque, per me è davvero una questione di sguardi. non sempre, ma quasi. quello di una signora mette un po’ soggezione, invece gli occhi da ragazza sono più indulgenti. mi sa che ci si nasce, così o cosà. quindi, chi ti chiama signora, non ti sta dando della vecchia. è solo sul chi va là. mi rendo conto che anche questo commento è sbrigativo, ma insomma, non so spiegarmi meglio.

  Simona ha scritto @ 19 Gennaio 2008 alle 9:54 am

Anche a me chiamano signora e mi dà un fastidio enorme! e poi soprattutto quando dicono che è per legge!!! Ma che cavolo di legge è???? io ho 29 anni ma mi sento una 18enne…ma mi ci dovrò abituare mi sà!!! Un bacio a tutte le signorine come me ;-P

Il tuo commento

Non è sempre facile distinguere tra "moderazione" e "censura". Credo nella libertà di parola, e non penso che il blog sia "casa mia": è un luogo pubblico. Pertanto, i commenti di questo blog NON sono moderati. Cancello solo le offese esplicite rivolte a terze persone e i link a contenuti illegali. Preferirei non dover cancellare neanche quelli. Ogni link è sacro.

HTML-Tags: